skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Questa settimana a Bruxelles: immigrazione, Turchia, trasparenza fiscale

L'ordine del giorno delle commissioni in Parlamento a Bruxelles sarà dominato dalle questioni relative all'immigrazione, in attesa dell'incontro tra i capi di Stato e dei governi per discutere l'accordo UE-Turchia il 17-18 marzo. I deputati voteranno i sistemi di trasferimento dei rifugiati e dei visti per motivi umanitari in UE, valuteranno  la situazione dei diritti umani in Turchia e incontreranno le multinazionali per discutere di trasparenza fiscale.

Bruxelles, una vetrata dell'edificio
Bruxelles, una vetrata dell'edificio

Le grandi multinazionali come Apple, Google, IKEA e McDonalds, e i rappresentati di giurisdizioni come Guernesey e Jersey, Andorra, Liechtenstein e Monaco, saranno ospiti lunedì e martedì della commissione speciale per le decisioni anticipate in materia fiscale (TAXE). Si discuterà di sviluppi in ambito fiscale in UE e a livello  internazionale, e del Piano d'azione OCSE sull'erosione della base imponibile e il trasferimento degli utili - Base Erosion and Profit Shifting (BEPS). Fiat Chrysler e Starbucks hanno declinato l'invito, così come le Isole Cayman e l'Isola di Man.

I progressi realizzati nei negoziati con gli Stati Uniti sul partenariato transatlantico di commercio e investimenti (TTIP) e la misura in cui sono state considerate le richieste del PE, saranno al centro del dibattito in commissione Commercio internazionale lunedì, alla presenza della Commissione europea. I deputati discuteranno anche l'accordo economico e commerciale globale (CETA) con il Canada, rivisto recentemente e che include nuove disposizioni sul regolamento delle dispute tra investitori e Stati.

I progressi realizzati dalla Turchia nel 2015 nel campo dei diritti umani, della lotta alla corruzione e della libertà di stampa saranno valutati dalla commissione Affari esteri. Il progetto di risoluzione, al voto martedì, affronta anche tematiche quali la migrazione, la liberalizzazione dei visa, la questione curda.

Mercoledì unisciti alla chat Facebook con Sylvie Guillaume e Jean Arthuis, leader delle due delegazioni di deputati che il mese scorso hanno visitato i centri d'accoglienza in Turchia.

Il Presidente Schulz e i capigruppo al Parlamento europeo (la Conferenza dei Presidenti) incontreranno martedì il Presidente del Consiglio Donald Tusk, per dibattere sulle conclusioni del summit UE-Turchia del 7 marzo e preparare il prossimo summit europeo del 17-18 marzo 2016.

Mercoledì la commissione Libertà civili voterà le proposte del PE per il miglioramento delle politiche migratorie e dei rifugiati nell'Unione europea, comprese quelle per stabilire un sistema centralizzato per la raccolta e la ripartizione delle domande di asilo, e i programmi di rilocazione obbligatoria e reinstallazione dei rifugiati.

Sempre mercoledì la commissione LIBE una riforma del codice dei visti UE per ridurre le formalità amministrative. Il progetto di testo comprende la proposta di creazione di un visa umanitario, emesso da ambasciate e uffici consolari dell'Unione nel paese terzo, che  permetterebbe ai richiedenti asilo di recarsi direttamente nello Stato membro desiderato.
  
Il nuovo quadro di trasferimenti UE-Stati Uniti di dati personali da parte di imprese private (il Privacy Shield), sarà dibattuto giovedì in commissione Libertà civili con i commissari Andrus Ansip e Věra Jourova (da confermare), il principale negoziatore americano, il controllore europeo della protezione dati, e i rappresentanti della società civile, in particolare l'austriaco Max Schrems (da confermare) che ha citato Facebook in giudizio. L'accordo dovrebbe rimpiazzare il precedente - il cosiddetto Safe Harbour - sulla "sfera di sicurezza", invalidato dalla Corte di giustizia europea a causa di problemi di sorveglianza di massa.

 

Agenda del Presidente

Il Presidente del PE Martin Schulz incontrerà martedì l'alto commissario delle Nazioni unite per i dirittii umani, il Principe Zeid Ra'ad Al Hussein, e il Primo ministro moldavo Pavel Filip. Mercoledì vedrà il Segretario confederale della Confederazione europea dei sindacati, Luca Visentini, e il Presidente della Corte di giustizia Koen Lenaerts.
Giovedì incontrerà Sua Maestà il re di Giordania Abdallah II, e interverrà al Consiglio europeo.

 

Altri argomenti in discussione

Nel corso della settimana, inoltre, saranno affrontati dalle commissioni parlamentari anche i seguenti argomenti:

Martedì

In commissione LIBE, alle ore 9.00 il voto sull'accordo di cooperazione strategica tra l'Ue e il Brasile sulla lotta al crimine organizzato e alla criminalità informatica; dalle 12.30, dibattito sul sistema europeo d'informazione dei casellari giudiziari (ECRIS).
Audizione sulla revisione della direttiva sulle armi da fuoco e sul traffico illecito, dalle ore 15.00 in commissione IMCO.
In commissione INTA, durante il dibattito di martedì - dalle ore 15 - sull'implementazione degli accordi commerciali con America Centrale, Colombia e Perù, parlerà l'Alto rappresentante dell'Unione Europea per gli affari esteri Federica Mogherini, insieme ai rappresentanti delle ambasciate, delle Ong e delle altre parti interessate.

Mercoledì

I deputatii della commissione ECON votano sulla proposta di regolamento che modifica il regolamento europeo sui mercati degli strumenti finanziari, il regolamento relativo agli abusi di mercato e  il regolamento titoli dell'Unione europea e depositi centrali di titoli (ore 9.00).
La commissione ITRE dale ore 9.00 discute sull'attuazione della direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica per il 2020.
In commissione LIBE, alle ore 15.00, dibattito con il vice-ministro greco all'immigrazione Ioannis Mouzalas, seguito alle ore 17.30 dal dibattito con Rosi Bindi, Presidente della Commissione d'inchiesta antimafia del Parlamento italiano.

Giovedì

La relazione sulla lotta al terrorismo sarà presentate alle ore 9.00 in commissione LIBE.

 

Articolo pubblicato il 14 marzo 2016