skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

RegionEuropa: domenica 22 gennaio 2017 ore 11.30 su Rai3

Pubblichiamo in questa pagina l'Anteprima di RegionEuropa, il settimanale della TGR RAI dedicato all'attualità europea, che racconta il rapporto delle istituzioni locali e dei territori italiani con le Istituzioni europee.

Puntata speciale domenica 22 gennaio di RegionEuropa, il settimanale europeo della Tgr a cura di Dario Carella, dedicata all’elezione di Antonio Tajani (Forza Italia, Vice Presidente del Partito Popolare Europeo) a Presidente del Parlamento europeo. L’elezione è avvenuta questa settimana a Strasburgo nel corso della sessione plenaria dell’assemblea legislativa dell’Unione europea: Tajani è il primo italiano che assume la massima carica a Parlamento europeo da quando, nel 1979, fu varato il suffragio universale diretto.

L’esponente del Partito Popolare ha prevalso alla quarta votazione di ballottaggio nei confronti di un altro italiano candidato, Gianni Pittella, presidente del Gruppo Socialisti e Democratici al PE, dopo che nelle prime tre votazioni nessun candidato aveva raccolto la maggioranza assoluta dei consensi. Tajani è stato eletto da una coalizione moderata che oltre ai Popolari Europei comprendeva i liberali dell’Alde e i conservatori dell'ECR; Pittella è stato invece votato, oltre che dai Socialisti, dai deputati del gruppo Gue e dai Verdi.

Nei servizi da Strasburgo di Dario Carella, il primo discorso del neo eletto Presidente in Aula, la cronaca delle votazioni, i primi commenti dei due competitor italiani: “Sarò il Presidente dell’intero Parlamento, di tutti gli eurodeputati nessuno escluso. Secondo l’insegnamento di Voltaire, garantirò i diritti di tutti coloro che in quest’aula rappresentano i cittadini europei che li hanno votati, fedele ai principi europei e dell’Europa unita, e al Consiglio Europeo rappresenterò sempre non le mie opinioni personali ma quelle dell’intero Parlamento, della maggioranza che mi ha votato, e di coloro che non hanno ritenuto di darmi il loro consenso, fedele ai principi della democrazia”, ha detto il neo presidente Tajani incontrando i giornalisti europei dopo la sua elezione.

Gianni Pittella ha invece confermato la fine della storica grande coalizione fra Popolari e Socialisti annunciando che dall’opposizione costruirà con la altre forze della sinistra un'alternativa di governo nelle Istituzioni europee: “Non renderemo il Parlamento europeo ingovernabile ma sceglieremo politicamente di volta in volta quali provvedimenti votare, in raccordo con le altre forze politiche che hanno sostenuto la mia candidatura”, ha detto il Capogruppo socialista che ha quindi rivolto un saluto al Presidente eletto, dicendosi felice che l’Italia sia tornata a guidare, dopo quarant’anni,il Parlamento europeo.

E infatti bisogna tornare al secolo scorso, come racconta nel suo reportage storico Antonio Silvestri, per vedere rappresentanti del nostro paese alla guida dell’Assemblea. Dopo i Trattati di Roma, dal ’58 al ’79, quando i membri erano designati dagli Stati, furono ben tre gli italiani alla Presidenza: Gaetano Martino, Mario Scelba ed Emilio Colombo, nell'ordine. Nel servizio, realizzato con le immagini dell’epoca grazie alle Teche Rai, viene ricordata anche la Presidenza dell’Assemblea Comune, prima dei Trattati di Roma, assunta da Alcide De Gasperi e poi da Giuseppe Pella, e la Presidenza della Commissione che ha visto due italiani al vertice: Franco Maria Malfatti all’inizio degli anni ’70, e Romano Prodi tra il ’99 e il 2004.

Il settimanale europeo della Tgr prosegue quindi con il local dei territori spiegando come si svolgerà l’importante campagna per la promozione dell’olio d’oliva nei 28 stati che fanno parte dell’Unione: Bruxelles ha deciso di che nel settore occorre fornire maggiori informazioni ai consumatori per far loro comprendere le peculiarità uniche di questa produzione. Lo ha affermato il presidente dell’Unaprol - la maggiore delle Unioni dei produttori - David Granieri, presentando una campagna di comunicazione che in collaborazione col Ministero delle Politiche agricole vuole raggiungere i consumatori e i clienti della ristorazione nel Regno Unito e in Germania. Tra le priorità fare cultura dell’olio e contrastare campagne di delegittimazione.

In conclusione di RegionEuropa l’appuntamento con la rubrica “Opportunità Europa”: Antonio Silvestri, con la collaborazione di Europe Direct Umbria, spiega l’azione chiave di Erasmus riguardante progetti di cooperazione nei settori istruzione e formazione, un’offerta di lavoro nel campo della proprietà intellettuale, e un concorso fotografico per i 5 anni del “Parlamentarium” il Ccentro visitatori del Parlamento europeo.

E' possibile seguire la diretta webstreaming di RegionEuropa sul sito www.rainews.it/TGR; l'anteprima delle puntate è disponibile su www.regioneuropa.blog.rai.it.

 

Il contenuto di questa pagina riflette le opinioni della redazione del settimanale europeo RegionEuropa. La pubblicazione è a titolo informativo.