skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Imposte sulle società: migliorare la trasparenza fiscale in Europa

Secondo la Commissione europea, ogni anno l'evasione fiscale costa all'UE mille miliardi. Lo scandalo, emerso anche durante le inchieste legate a Luxleaks, ha permesso di fare luce su pratiche fiscali sleali e dimostrato che certe multinazionali hanno ottenuto accordi vantaggiosi con alcuni Stati membri. Il Parlamento ha già adottato a novembre una relazione della commissione speciale sugli Accordi fiscali. Il 15 dicembre, i deputati discuteranno un rapporto in cui si chiede alla CE di formulare una proposta per limitare la concorrenza fiscale tra i paesi dell'UE.

Nel rapporto si invita la Commissione a proporre una normativa che imponga agli Stati membri dell'UE lo scambio reciproco di informazioni, in caso vengano prese misure che mirino a ridurre le aliquote fiscali negoziate con le aziende, a tutelare gli informatori e le società che dichiarino quante tasse pagano paese per paese.

Se la relazione verrà approvata, la Commissione avrà tre mesi di tempo per rispondere alle raccomandazioni attraverso una proposta legislativa, oppure rifiutare le proposte spiegandone le ragioni.

In novembre il Parlamento ha adottato la relazione speciale della commissione TAXE, chiedendo la segnalazione obbligatoria dei profitti e delle tasse delle multinazionali in ogni paese.

Continua nella lettura dell'articolo
 

Pubblicato il 14 dicembre 2015