skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Premio Sacharov: "Raif Badawi non è un criminale. È uno scrittore e un libero pensatore"

"Raif Badawi ha avuto il coraggio di alzare la voce e dire no alle barbarie. Ecco perché lo hanno punito" ha dichiarato Ensaf Haidar, la moglie dell'attivista per i diritti umani saudita, ritirando il premio Sacharov 2015 per la libertà di pensiero a Strasburgo mercoledì 16 dicembre. Badawi è stato premiato dal Parlamento europeo per la sua lotta per la libertà di parola e di pensiero in Arabia Saudita.

© European Union 2015 - European Parliament
La sedia vuota di Raif Badawi, vincitore del Sacharov 2015, durante la cerimonia di premiazione a Strasburgo. ‪#‎FreeRaif
© European Union 2015 - European Parliament La sedia vuota di Raif Badawi, vincitore del Sacharov 2015, durante la cerimonia di premiazione a Strasburgo. ‪#‎FreeRaif
 .

"Badawi è diventato un simbolo e un riferimento per tutti quelli che combattano per i diritti fondamentali nella regione, e oltre" ha sottolineato il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz durante la cerimonia. Il Presidente del PE ha anche chiesto l'amnistia al re Salman d'Arabia Saudita e di liberare immediatamente e incondizionatamente Raif Badawi.

Il Presidente Schulz ha anche invitato la autorità saudite di interrompere la censura sistematica delle espressioni pacifiche, riferendosi a personalità come Waleed Abu al-Khair, Abdulkarim Al-Khodr, Ashraf Fayadh e Ali Mohammed al-Nimr. Il Presidente ha chiesto inoltre la liberazione di Mohammed al-Nimr, attualmente condannato a morte, e ha ricordato che l'Arabia Saudita è stata eletta al Consiglio dei diritti umani dell'ONU.

Continua nella lettura dell'articolo
 

Pubblicato il 16 dicembre 2015