skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

I deputati chiedono alla CE di monitorare le indagini sulle frodi nelle prove di emissioni dei veicoli

Nella risoluzione votata martedì i deputati chiedono che le frodi nei test sulle emissioni dovrebbero essere verificate approfonditamente e i responsabili sanzionati in maniera appropriata. Il sistema di test dell'UE dovrebbe essere rafforzato per garantire il rispettato dei limiti e la rapida individuazione dei veicoli che li superano. Inoltre propongono di considerare l'idea di istituire un'autorità di vigilanza a livello UE.

Guest Photographer competition ©GeertdeBrabander/Pollution
Guest Photographer competition ©GeertdeBrabander/Pollution

I deputati condannano fermamente qualsiasi frode commessa dai costruttori di automobili e deplorano che milioni di consumatori siano stati ingannati. Si rammaricano, inoltre, per il danno alla salute umana e all'ambiente causato dalle eccessive emissioni.

La risoluzione presentata a seguito del dibattito del 7 ottobre scorso, è stata approvata con 493 voti favorevoli, 145 voti contrari e 25 astensioni.

L'attuale scandalo rischia di compromettere l'intero settore automobilistico, uno dei principali fattori di crescita, di innovazione e di occupazione in un gran numero di Stati membri.

Completa la lettura dell'articoloGuarda il video di EuroparlTV
 

Articolo pubblicato il 28 ottobre 2015