skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Rifugiati siriani: i deputati discutono su come risolvere la crisi

I deputati hanno invitato gli Stati membri a investirsi maggiormente per affrontare la crisi dei rifugiati. Il dibattito si è concentrato sulle conclusioni del Consiglio europeo informale del 23 settembre, durante il quale i governi nazionali hanno voluto aumentare i finanziamenti e il sostegno ai paesi europei alle frontiere esterne dell'UE, ai paesi vicini e alle agenzie che si occupano dei rifugiati siriani.

Guest Photographer - La foto vincitrice di settembre è "Cím nélkül" (senza titolo) © Éva Szabó/cím nélkül
Guest Photographer - La foto vincitrice di settembre è "Cím nélkül" (senza titolo) © Éva Szabó/cím nélkül
 .

"Centinaia di migliaia di rifugiati si dirigono verso l'Europa, perché sanno che la nostra comunità è la più aperta e tollerante di tutti. È nostro dovere assistere i rifugiati, nonché proteggere le frontiere esterne dell'Unione europea" ha indicato Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo. "La priorità oggi è il ripristino del controllo alle frontiere esterne dell'UE come condizione sine qua non di una politica migratoria efficace, umanitaria e sicura" ha aggiunto.

Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, ha dichiarato che: "Non possiamo solo concentrarci su noi stessi. Dobbiamo essere attenti alle questioni che ci riguardano nella periferia dell'Europa. La Turchia e l'Unione europea devono camminare insieme in questa direzione. Dobbiamo aiutare le persone sfortunate che arrivano sulle nostre coste". Juncker ha inoltre richiamato l'attenzione sul ruolo del Parlamento nella crisi dei rifugiati: "Il Parlamento europeo ha dato il via libera per una distribuzione equa dei rifugiati, forzando il Consiglio a fare la stessa cosa. Oggi sono estremamente grato a lei, Presidente (Martin Schulz, ndr) e ai deputati del Parlamento per aver reagito così in fretta".

Continua a leggere gli interventi dei deputati
 

Articolo pubblicato il 6 ottobre 2015