skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Il Premio Sacharov per la libertà di pensiero assegnato a Raif Badawi

Secondo la decisione del Presidente del Parlamento europeo con i leader dei gruppi politici, Raif Badawi è il vincitore del Premio Sacharov per la libertà di pensiero 2015. Badawi è un blogger saudita, attualmente agli arresti per insulti all'Islam sul suo blog da cui si promuove il dibattito sociale, politico e religioso. La cerimonia di consegna del Premio Sakharov si terrà a Strasburgo il 16 dicembre.

Poster del Premio Sakharov esposto al Parlamento europeo di Strasburgo
Poster del Premio Sakharov esposto al Parlamento europeo di Strasburgo

Raif Badawi è scrittore, attivista e creatore del sito web Free Saudi Liberals (Liberali Sauditi Liberi). Arrestato nel 2012, è stato condannato nel 2013 a 7 anni e 600 frustate poi, con una nuova sentenza nel 2014, a 10 anni di prigione, una punizione corporale più severa (1.000 frustate) e una pesante multa.

L'accusa è di avere insultato i valori islamici dal proprio sito, ma è stato citato anche per apostasia, accusa che in Arabia Saudita comporta la pena capitale.

Ha ricevuto la prima serie di 50 frustrate nel gennaio 2015, mentre le restanti erano state rinviate più volte a causa del suo stato di salute e in seguito alle proteste internazionali. Secondo la moglie Ensaf Haidar, Badawi non sarebbe in grado di sopravvivere alla pena, che è però stata confermata. La signora ha reso noto questa settimana che le autorità saudite hanno autorizzato che le rimanenti frustrate siano inflitte.

 

Le parole del Presidente Schulz

Il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz ha pronunciato un breve discorso sull'assegnazione del Premio Sacharov 2015 a Raif Badawi. Lo abbiamo tradotto per voi:

"Assegnando il Premio Sacharov a Raif Badawi, il Parlamento europeo conferma il suo supporto alla libertà di espressione come uno dei diritti umani fondamentali, un diritto che deve essere rispettato dovunque, senza eccezioni.

Raif Badawi, blogger saudita e scrittore, ha coraggiosamente espresso le proprie idee, esprimendo apertamente i suoi dubbi sulle regole del suo paese, giudicandole oltremodo restrittive, battendosi in questo modo per la libertà di pensiero di tutti i sauditi. Il suo impegno nel promuovere il pluralismo politico e la libertà religiosa, facendo appello al rispetto delle minoranze, dei diritti delle donne e della libertà d'espressione sono i soli 'crimini' che abbia commesso.

Facciamo appello alle autorità saudite, affinché sospendano immediatamente ogni misura punitiva, riconsiderino il giudizio emesso e rilascino Raif Badawi senza indugio. Lo stesso dicasi per tutti coloro i quali sono condannati per avere espresso liberamente le proprie opinioni in Arabia Saudita e altrove.

La comunità internazionale è stata profondamente toccata dalla punizione orribile alla quale è stato condannato, e ha reagito energicamente in favore del suo rilascio. La sua nomina per il Premio da parte dei gruppi politici e la sua designazione quale vincitore finale sono benvenute.

Con questo Premio, onoriamo tutte le persone che si battono per la libertà di espressione e di pensiero nel mondo."

 

I finalisti del Premio Sacharov

Oltre al vincitore Raif Badawi, i prigionieri politici in Venezuela e l'opposizione democratica incarnata da Mesa de la Unidad Democrática e Boris Nemtsov, fisico russo, ex-vice primo ministro e leader dell'opposizione, assassinato nel febbraio 2015 a Mosca, sono i finalisti per il Premio Sacharov 2015 del Parlamento europeo.

 
 

Articolo pubblicato il 29 ottobre 2015