skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Piccolo vademecum per viaggiare sicuri

Avete già fatto le valigie, siete in vacanza? Siete pronti a partire verso il mare, la montagna, o a spostarvi per motivi di lavoro? Cosa fare in caso di emergenza? Sapete qual è il numero da chiamare e come dovete comportarvi in caso di incidente? Ecco alcune informazioni utile in risposta a queste domande.

La hall di un aeroporto
La hall di un aeroporto

EMERGENZE

Se hai bisogno dell’assistenza di polizia, pompieri o di un medico, chiama il 112, il numero unico per le emergenze che funziona in tutta l'Unione europea e anche in alcuni paesi non-UE, come la Svizzera e il Sudafrica.

Clicca per scoprire come funziana il 112 nei paesi dell'Unione europea

In caso di scomparsa di minore o per fornire informazioni su un minore scomparso, è attivo il numero verde 116 000.
Il numero è operativo nei28 Stati membri">/a> dell'UE ed è coordinato da Missing children Europe, che raggruppa le Onlus del settore sociale a difesa dei bambini.

Il 116 000, attivo in Italia dal 2009, è gratuito e riservato, dal Garante per le comunicazioni, al Ministero dell'Interno; la gestione è affidata a Telefono Azzurro.

CURE MEDICHE

Non dimenticare la tessera europea di assicurazione malattia (TEAM) che viene emessa dall'ente assicurativo del Paese di residenza.
La tessera conferisce il diritto all'assistenza sanitaria statale in caso di permanenza temporanea in tutti i 28 Stati membri, oltre all'Islanda, il Liechtenstein, la Norvegia e la Svizzera, alle stesse condizioni degli assistiti del paese in cui ti trovi.

Puoi scaricare l’applicazione che ti guiderà in 25 lingue all'uso della TEAM nei paesi aderenti. L’app contiene informazioni generali, numeri di telefono, un elenco delle cure garantite e dei costi. Spiega inoltre come chiedere un rimborso cosa fare in caso di smarrimento della tessera.

La Tessera Europea di Assicurazione Malattia è in vigore in Italia dal 1° novembre 2004. Per saperne di più consulta il sito del Ministero della Salute.

Scopri di più sulla copertura sanitaria a cui hai diritto in caso di soggiorni di breve durata all’estero.

Una ricetta rilasciata da un medico di un paese dell'UE è valida in tutti gli altri paesi dell'Unione, ma è possibile chiedere al proprio medico curante una prescrizione transfrontaliera. E' bene ricordare che i medicinali sono dispensati in linea con la normativa nazionale, e dunque il periodo di validità della prescrizione potrebbe variare, un medicinale disponibile in un paese dell'UE potrebbe non essere in commercio in altri paesi, o essere venduto con un nome commerciale diverso, Scoprite come presentare una ricetta medica all'estero.

I TUOI DIRITTI DI PASSEGGERO

Nella zona UE sono garantiti i propri diritti a tutti i passeggeri che si muovano con qualsiasi mezzo di trasporto.

Se il tuo volo o il tuo treno, il tuo bus o la tua nave sono in ritardo o annullati, hai il diritto di:
• essere rimborsato in caso di un grande ritardo o cancellazione (minimo 1-5 ore a seconda del mezzo di trasporto)
• essere assistito in attesa della partenza.

E’ bene sapere che la compagnia di trasporti con cui si viaggia è tenuta a fornire ai passeggeri tutte le informazione necessarie e un’assistenza adeguata. Se è necessario soggiornare in un hotel in una località diversa da quella di destinazione, sarà la compagnia a doversi accollare gli oneri di tale servizio.

Prima di mettersi in viaggio è consigliabile informarsi sulle modalità con cui far valere i propri diritti. Scopri quali sono i tuoi diritti di passeggero. Puoi anche scaricare l'app "I tuoi diritti di passeggero" sul tuo smartphone.

Se la tua mobilità è ridotta, o viaggi con una persona a mobilità ridotta, sappi che la normativa europea garantisce una particolare tutela alle persone con disabilità motoria quando viaggiano nell'UE, allo scopo di garantire loro diritti pari agli altri cittadini nell'uso dei trasporti.

MUOVERSI IN AUTOMOBILE

Se ti sposti su quattro o due ruote sappi che puoi guidare in un paese europeo diverso dal quello che ha rilasciato la tua patente.
La patente rilasciata da uno Stato membro è infatti valida in tutto il territorio dell'Unione europea. Ricordati però che non puoi guidare in un altro Paese con una patente provvisoria o un certificato sostitutivo. Scopri di più sulla validità della patente di guida nell’UE.

Vi sono inoltre alcune differenze tra le norme stradali in vigore negli Stati membri: prima di partire informati sulla normativa in vigore nel paese dove ti stai recando. Scarica GoingAbroad, l'applicazione gratuita sulla sicurezza stradale in Europa.

Se viaggi in automobile e hai diritto al contrassegno per disabili nel tuo paese d’origine, sappi che esso è valido anche negli altri ventisette paesi aderenti all'UE perché è conforme al "contrassegno unificato disabili europeo" (CUDE).  

I TUOI DIRITTI DI CONSUMATORE - da rivedere

Se hai problemi con una società di autonoleggio e ti trovi in un paese dell'Unione, in Norvegia o in Islanda, puoi ottenere assistenza gratuita presso il Centro europeo dei consumatori (EEC) presente in ogni Paese.
Il Centro offre informazioni sui diritti dei consumatori e saprà consigliarti su come risolvere la questione. Se ciò non sarà possibile in loco, conserva tutta la documentazione e rivolgiti all'EEC del tuo Paese di origine.  Per l'Italia https://www.ecc-netitalia.it/index.php/it/

The European Consumer Center Network "ECC-Net" is a network of 30 offices in the 28 EU Member States, Norway and Iceland.
ECC's are co-financed by the European Commission and national governments, as part of the European policy to assist every citizen in Europe to take advantage of the single market.
The aim of the network is to provide free of charge help and advice to consumers on their cross-border purchases, whether online or on the spot within these 30 countries.

ASSISTENZA CONSOLARE

Se perdi il passaporto o i tuoi averi, sei vittima di un reato, vieni trattenuto dalle forze di pubblica sicurezza o hai bisogno di assistenza da parte di un’ambasciata o un consolato fuori dall’Unione ma il tuo paese non è rappresentato nel paese in cui ti trovi, contatta un'ambasciata o un consolato di qualsiasi altro Stato membro dell'UE: hai diritto di essere aiutato quanto un cittadino di quello stato membro.

Scopri di più sulla protezione consolare per i cittadini dell’UE all’estero

COMUNICARE - DA RIVEDERE

Da diversi anni l'UE è impegnata per ridurre le tariffe di roaming per gli utenti che utilizzano il proprio cellulare all’estero per telefonare, inviare messaggi o per il traffico dei dati. Dal 1° luglio 2014 utilizzare il proprio cellulare all’estero è diventato meno costoso.

Gli operatori telefonici devono infatti rispettare il massimale imposto alle tariffe, che fino ad aprile 2016  saranno di 19 cent al minuto per effettuare una chiamata, 5 cent al minuto per ricevere, 6 cent per inviare un SMS e 20 cent per MB per la navigazione in rete.

Bisogna anche ricordare che sempre più operatori consentono ai propri clienti di continuare ad utilizzare il proprio piano tariffario anche all’estero, a seguito del pagamento di un supplemento fisso giornaliero, settimanale o mensile.

Da aprile 2016 chiamare dall'estero avrà costi ulteriormente ridotti e dal giugno 2017 non verranno applicate maggiorazioni rispetto al piano tariffario del cliente, secondo l’accordo informale raggiunto il 30 giugno 2015 da Parlamento e Consiglio.

Per saperne di più leggi le domande e risposte sulle nuove tariffe (EN/FR).

 

Articolo pubblicato l'1 agosto 2016