skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Proteggere l'interesse dei minori è priorità nei casi di custodia transfrontalieri

Quando gli Stati membri non riescono a collaborare nelle controversie legali per le custodie parentali transfrontaliere e per le adozioni, sono i più piccoli a pagare le conseguenze. Lo sottolinea il Parlamento in una risoluzione non vincolante votata giovedì. I deputati chiedono sezioni specializzate per tali casi all'interno dei tribunali civili, sottolineando la necessità di salvaguardare gli interessi dei minori, ad esempio evitando di separare dei fratelli.

Giornata del papàUn papà e un bambino fotografati di schiena camminano sul marciapiede in un paesaggio urbano.
Giornata del papà

"Vi è la necessità di una maggiore cooperazione in materia di diritto di famiglia con aspetti transfrontalieri. Il nostro obiettivo non è quello di imporre una visione unica di come gestire i conflitti familiari o affrontare i problemi dei bambini, ma di garantire che la libertà delle persone all'interno dell'Unione funzioni anche quando è collegata a questioni di famiglia ", ha dichiarato Cecilia Wikström (Verdi/ALSE, SE), presidente della commissione per le petizioni del Parlamento europeo, che ha presentato la risoluzione dopo aver ricevuto centinaia di petizioni sui diversi casi comunitari riguardanti l'infanzia.

Nel testo, approvato per alzata di mano, i deputati raccomandano di rimediare alle lacune presenti nel regolamento Bruxelles II in materia di diritto di famiglia, in vista di una sua prossima revisione.

Leggi l'intero articolo
 

Articolo pubblicato il 28 aprile 2016