skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Questa settimana a Bruxelles: commissioni parlamentari e preparazione della plenaria

La commissione Libertà civili si confronterà sulla creazione di una guardia costiera europea, sulla protezione delle frontiere UE e sulla revisione della Convenzione di Dublino. I deputati incontreranno i loro omologhi ucraini, e discuteranno con i membri dei parlamentari nazionali di come migliorare le condizioni per le donne rifugiate. Mercoledì la prima riunione della commissione speciale sulle emissioni degli autoveicoli. I gruppi politici prepareranno la prossima plenaria a Strasburgo. Come sempre, è possibile seguire le riunioni in diretta streaming.

Bruxelles, il Parlamento europeo
Bruxelles, il Parlamento europeo

Le commissioni parlamentari

Oggi, a partire dalle ore 15, gli eurodeputati della commissione Libertà civili discuteranno con la Commissione europea e la Presidenza olandese sul progetto di creazione di una guardia costiera per gestire la pressione migratoria alle frontiere esterne dell'UE, salvaguardando la libera circolazione delle persone.

L'eurodeputata italiana Kashetu Kyenge (S&D) e la maltese Roberta Metsola (PPE) presenteranno la bozza più recente della loro relazione sulla posizione del Parlamento europeo in materia di immigrazione, in cui si propone una revisione della Convenzione di Dublino con un sistema centralizzato per la gestione delle richieste di asilo a livello europeo con soglie prestabilite per ogni Stato membro e un meccanismo vincolante e permanente di ricollocamento di profughi e richiedenti asilo. La relazione verrà votata in commissione Libertà civili il 16 marzo e nella sessione plenaria a Strasburgo in aprile.

Infine, sempre in commissione LIBE, si discuterà di un progetto di legge con possibili misure per rafforzare i controlli alle frontiere esterne dell'Unione europea e dei documenti di viaggio per il rimpatrio dei migranti che soggiornano illegalmente nell'UE.

La violenza contro le donne rifugiate, le loro condizioni di vita nei campi e le possibili misure di integrazione saranno discusse dai parlamentari europei e nazionali giovedì 3 marzo, in un incontro che verrà inaugurato dal Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz e dall'ex presidente irlandese Mary Robinson.

Il Servizio stampa del Parlamento organizza mercoledì 2 marzo un seminario su Donne rifugiate e richiedenti asilo. Eurodeputati, esperti e giornalisti, discuteranno delle difficili condizioni che le donne si trovano ad affrontare durante il loro viaggio verso l'Europa e dopo il loro arrivo nei campi profughi, e su possibili misure per migliorare tali condizioni.

La commissione parlamentare d'inchiesta EMIS, che si occuperà delle emissioni nel settore automobilistico, terrà la sua prima riunione mercoledì 2 marzo per eleggere il presidente e i vicepresidenti. La commissione indagherà sulle violazioni, da parte dell'industria dell'auto, delle norme in materia di test sulle emissioni, nonché sulle presunte irregolarità da parte della Commissione europea e degli Stati membri nell'applicare i regolamenti vigenti.

Da oggi fino a mercoledì, i membri del Parlamento ucraino e gli eurodeputati parteciperanno a una 3 giorni di conferenze e dibattiti in occasione della settimana dell'Ucraina. Si parlerà di buone pratiche parlamentari, law making e partecipazione. Fra gli altri, interverranno anche il presidente della Verkhovna Rada (Parlamento unicamerale ucraino), Volodymyr Groysman, diversi eurodeputati e il presidente del PE Martin Schulz. Un documento sulla capacity building nel Parlamento ucraino sarà presentato dall'ex Presidente del Parlamento europeo, Pat Cox.

I progressi verso l'adesione all'UE da parte della ex Repubblica Iugoslava di Macedonia nel 2015 saranno valutati in una risoluzione che sarà votata oggi dalla commissione Affari esteri. Questioni come il nome del paese e un recente stallo politico hanno impedito di avviare negoziati di adesione all'UE per quasi sei anni.

 

Preparazione della plenaria

I gruppi politici si prepareranno per la prossima sessione plenaria, dal 7 al 10 marzo a Strasburgo. Tra gli argomenti in agenda: il dibattito sulle conclusioni dell'ultimo summit dei capi di Stato e di governo, sulla gestione dei flussi migratori e sulla protezione dei cosiddetti whistleblowers internazionali con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker; le risoluzioni legislative sulla salute degli animali, sul nuovo schema di distribuzione di latte nelle scuole e sui servizi portuali; le relazioni sui progressi dell'Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia e del Montenegro nei negoziati di adesione all'UE; la risoluzione sull'unione bancaria; la risoluzione su possibili modifiche al processo di legiferazione dell'Unione europea; la risoluzione sulla situazione delle donne rifugiate, in occasione della Giornata Internazionale della Donna l'8 marzo.

 

Articolo pubblicato il 29 febbraio 2016