skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

RegionEuropa - Domenica 14 febbraio 2016, ore 11.30 su Rai 3

RegionEuropa è l'appuntamento della testata regionale della Rai dedicato ai temi dell'attualità europea. I territori locali italiani e le loro istituzioni di prossimità a confronto con quelle dell'UE, dalla Commissione al Parlamento europeo al Comitato delle Regioni, secondo quel principio di sussidiarietà che è uno dei pilastri della costituzione materiale dell'Unione e del Trattato interistituzionale in vigore.

Banner di RegionEuropaBanner con il logo della Trasmissione con  sullo sfondo delle finestre adornate di fiori
Banner di RegionEuropa

Il difficile momento che vive l'Europa, iniziando dalla messa in discussione di Schengen da parte di molti stati membri del'UE, passando alla questione della gestione dei flussi migratori e dei richiedenti asilo, alla mancanza di leader europei in grado, come in passato, di fare sintesi, è al centro dei servizi che propone RegionEuropa, il settimanale europeo della Tgr a cura di Dario Carella, in onda domenica 14 febbraio dalle 11,30 su Rai Tre.

Il Vice Presidente vicario dell'Europarlamento Antonio Taiani spiega le regioni di queste difficoltà e propone, per quanto  riguarda l'Italia, una sorta di Stati Generali dei diversi attori del sistema paese: società politica, governo, società civile, settore dell'informazione. Un momento di riflessione necessario, secondo Tajani, per eleborare proposte concrete capaci di rilanciare soprattutto lo spirito dell'unità europea, quel valore universale oggi  messo in discussione dal ritorno ai nazionalismi delle "piccole patrie".

E' una necessità testimoniata anche dal sondaggio Eurobarometro esaminato nel servizio di Antonio Silvestri che mostra come l'immagine dell’Unione europea sia andata scemando nell'opinione pubblica italiana dove, se nel 2012 quasi il 50% dichiarava un sentimento di appartenenza positivo, un 30% era neutrale e solo il 13% sentiva negativa l’appartenenza, nel 2015 sono saliti coloro che hanno un’immagine negativa, al 23%, e i neutrali, al 37%, mentre coloro ai quali appare positiva sono scesi al 38%.

Nel 2013 gli italiani che non si sentivano cittadini europei erano il 53%, cresciuti del 5% dall’anno precedente, mentre nel 2014 si scende di poco, al 51%; nel 2014 inoltre il 54% degli italiani riteneva l’UE poco affidabile: con questi dati si adegua alla media dell’Unione che è del 37 e questo dato è in calo in 24 Paesi su 28.

Per rilanciare lo spirito della comune appartenenza all'Unione Europea si muove anche l'Ufficio del Parlamento Europeo in Italia con una serie di iniziative che si svolgeranno nelle cinque circoscrizioni elettorali europee del nostro paese, iniziatvive rivolte agli stakeholders di ogni livello e che a RegionEuropa vengono presentate dal direttore della sede di rappresentanza Ginapolo Meneghini.

Regioneuropa torna sul tema dei migrant e propone un'intervista all'europarlamentare di Forza italia Alessandra Mussolini che, con il sostegno del PPE, ha proposto che si applichino le quote di genere nell'accoglienza, alla luce di quanto accaduto a Capodanno contro le donne a Colonia e in altre città europee,

In conclusione l'appuntamento con il local: Antonio Silvestri illustra perchè occorrerà aspettare il 25 febbraio per sapere se l’Europarlamento potrà correggere l’iniziativa della Commissione che ha deciso di importare un’altra quota di olio tunisino a dazio zero, che si prevede si riverserà quasi tutta nel nostro Paese. In forte deficit di produzione, la filiera dell’olio extravergine di qualità intanto ha presentato una nuova iniziativa, in collaborazione col Poligrafico dello Stato, per garantire i consumatori sulla qualità e l’origine dell’olio e, come ha detto a Regioneuropa il presidente della Cia, Secondo Scanavino, per ridare dignità ai produttori, soprattutto del Sud.

L’iniziativa varata dal CNO, il Consorzio Olivicolo Nazionale, consiste nell’apporre alle bottiglie una fascetta, vera e propria “carta valori”, che consenta la riconoscibilità del prodotto, la tracciabilità e la rintracciabilità su tutto il processo distributivo. A spiegare come funzionerà questo metodo è l’amministratore delegato del Poligrafico dello Stato, Paolo Aielli, mentre il direttore di Qualivita, Mauro Rosati, sottolinea come il sistema vada esteso ad altri prodotti di qualità.

In "UE, Imprese e Territori" infine, spazio a un’importante occasione di business ad Hannover per la Cebit, grande fiera dell’ICT; due appuntamenti in Calabria e in Lombardia sull’etichettatura alimentare e su Horizon 2020, e una richiesta di partnership tecnologica.

RegionEuropa è anche in diretta streaming sui siti www.rainews.it/TGR e www.regioneuropa.rai.it.