skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

TiSA: il PE chiede protezione per le imprese e i servizi pubblici UE

Il PE ha chiesto, nelle raccomandazioni approvate mercoledì, che i negoziati in corso sull'Accordo sugli scambi di servizi (TiSA) si concludano con un accordo che faciliti l'accesso delle imprese UE ai mercati internazionali, ma che non forzi l'UE, le autorità nazionali e locali ad aprire i servizi pubblici alla concorrenza, ovvero non limiti il loro diritto di regolamentare nell'interesse pubblico.

Voto in aula plenaria a Strasburgo
Voto in aula plenaria a Strasburgo

Per la relatrice Viviane Reding (PPE, LU) "il voto di oggi rappresenta una svolta. Sono orgogliosa di aver raccolto un ampio sostegno tra i vari schieramenti politici per cambiare l'orientamento della politica commerciale UE, nell'interesse delle imprese UE così come dei consumatori".

Il Parlamento ha sostenuto la risoluzione con 532 voti favorevoli, 131 contrari e 36 astensioni.

I deputati chiedono ai negoziatori UE misure atte a proteggere le imprese europee da una concorrenza sleale all'estero, e hanno stabilito aree che devono essere escluse dai negoziati (ad esempio la protezione dati dei cittadini e i servizi pubblici).

I deputati sostengono la richiesta della Cina di aderire ai negoziati e cercano di assicurare una futura "multilateralizzazione" dell'accordo.

Leggi l'intero articolo
 

Articolo pubblicato il 3 febbraio 2016