skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Questa settimana a Bruxelles commissioni parlamentari e preparazione della Plenaria

Attuazione delle misure per affrontare la crisi dell'immigrazione e dei rifugiati, voto sulle prime regole di sicurezza informatica di stampo europeo e sulla protezione delle informazioni commerciali riservate: questi alcuni punti all'ordine del giorno delle commissioni a Bruxelles. I deputati si confronteranno sul programma della nuova presidenza del Consiglio con i ministri competenti olandesi e i gruppi politici prepareranno la sessione plenaria della prossima settimana a Strasburgo.

Bruxelles, una vetrata dell'edificio
Bruxelles, una vetrata dell'edificio

Lunedì la commissione giuridica voterà sull'accordo, raggiunto un mese fa, per l'introduzione di una definizione europea di segreto commerciale e sull'obbligo, per gli Stati membri, di assicurare che le vittime dell'utilizzo abusivo di informazioni riservate possano difendere i propri diritti di fronte alla giustizia e chiedere un indennizzo. I deputati hanno sottolineato la necessità di vegliare a che le libertà d'espressione e d'informazione siano protette e garantite.

La commissione agricoltura voterà lunedì un accordo provvisorio concluso con il Consiglio sulla nuova legislazione che modernizzerà e armonizzerà gli schemi di distribuzione di frutta, verdura e latte attualmente in vigore nelle scuole. L'accordo incrementa i finanziamenti e mira a educare i bambini ad abitudini alimentari più sane.

La commissione speciale per gli accrodi fiscali (TAXE) e la commissione per gli affari economici e monetari interrogheranno lunedì il commissario agli affari economici e finanziari Pierre Moscovici sul programma legislativo della Commissione per il 2016 in materia di tassazione delle imprese.

Giovedì, il commissario alle migrazioni Dimitris Avramopoulos incontrerà i deputati della commissione libertà civili per discutere il pacchetto di misure sui controlli di frontiera, presentato recentemente, e l'implementazione di misure quali rilocalizzazione (a oggi sono stati rilocati solo 272 richiedenti asilo) e il lavoro negli hotspost, i punti di crisi per i rifugiati. I deputati potrebbero inoltre sollevare argomenti come la reintroduzione dei controlli ai confini di Svezia e Danimarca e il futuro di Schengen.

Sempre giovedì, i deputati della commissione mercato interno voteranno un accordo provvisorio, concluso il mese scorso con i ministri dell'UE, relativo alle prime regole europee sulla sicurezza delle reti: le nuove disposizioni dovrebbero mettere termine alla frammentazione attuale dei 28 diversi sistemi di sicurezza informatica. Il regolamento indica i settori cruciali - quali energia, trasporti, banche o salute - per i quali le imprese dovranno dovranno assicurare di potere resistere ad eventuali attacchi informatici, oltre a segnalare eventuali incidenti rilevanti. I siti commerciali, i motori di ricerca e i cloud storage - le nuvole informatiche -, dovranno altresì assicurare l'affidabilità delle proprie infrastrutture.

Un progetto di legge in via di negoziazione tra i deputati della commissione mercato interno del PE e il Consiglio prevede che i siti internet gestiti da organismi del settore pubblico siano accessibili a tutti, incluse le persone anziane e i disabili. Oltre 167 milioni di cittadini dell'UE hanno difficoltà di accesso ai portali pubblici e ai servizi offerti online, quali: la compilazione delle dichiarazioni d'imposta, la richiesta di indennità di disoccupazione, l'inscrizione scolastica dei propri figli. Il Parlamento ha votato in prima lettura nel febbraio 2014 ma i deputati voteranno solo giovedì sull'apertura dei negoziati con il Consiglio, che ha adottato la sua posizione solo il mese scorso.

Con l'arrivo dei Paesi Bassi alla Presidenza del Consiglio, tra lunedì e martedì diverse commissioni parlamentari incontreranno i ministri del governo olandese per discutere con loro sui programmi per i prossimi sei mesi.

 

Preparativi per la sessione plenaria

I gruppi politici preparano la sessione plenaria di gennaio (dal 18 al 21) a Strasburgo, nel corso della quale si discuteranno i risultati del summit europeo di dicembre 2015 e il programma della Presidenza olandese del Consiglio, in carica dal 1° gennaio 2016, e analizzeranno i risultati della presidenza lussemburghese uscente.

Si discuterà inoltre della clausola di "mutua difesa" inserita nei trattati dell'Unione europea, che il Presidente francese François Hollande ha invocato dopo gli attacchi terroristici di Parigi in novembre.

I deputati metteranno a punto le raccomandazioni conclusive per completare il mercato digitale UE e per misure di contrasto al fenomeno della disoccupazione giovanile.

 

Articolo pubblicato l'11 gennaio 2016