skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Questa settimana le commissioni parlamentari riunite a Bruxelles

Questa settimana a Bruxelles si parla di frontiere esterne dell'unione, del documento unico di viaggio per i cittadini di paesi terzi, di condivisione dei dati giudiziari con i paesi non-UE, delle minoranze in Siria e Iraq. Sarà inoltre presentato il Rapporto annuale 2015 dell'Agenzia europea per i diritti fondamentali. I gruppi politici prepareranno la plenaria di giugno a Strasburgo. Le attività del PE sono trasmesse in diretta streaming.

Bruxelles, Plenaria PE (© European Union 2015 - EP)
Bruxelles, Plenaria PE (© European Union 2015 - EP)

Le commissioni parlamentari

Le proposte per la creazione di un'Agenzia europea per i controlli di confini e coste, che riunisca Frontex - l'agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne dell'UE - e le autorità nazionali di controllo, saranno messe ai voti lunedì in Commissione libertà civili. Il mandato della nuova agenzia dovrebbe consentire di intervenire alle frontiere esterne dell'UE quando siano richieste azioni urgenti, anche senza richieste da parte dei Paesi europei coinvolti. Il relatore Artis Pabriks (PPE, LV) terrà una conferenza stampa alle ore 9.00 di martedì.  

Ancora lunedì al voto in commissione LIBE i progetti legislativi per introdurre un documento europeo unico di viaggio per i cittadini dei paesi terzi che si trovassero sul territorio dell'Unione senza documenti validi e in via di espulsione verso il loro paese d'origine. Lo scopo è di velocizzare il processo di rientro. Separatamente, la commissione discuterà gli emendamenti a una proposta sui paesi di provenienza sicuri.    

I deputati della commissione Libertà civili voteranno anche sull'opportunità di estendere l'esistente sistema di condivisione dati dei casellari giudiziari tra le 28 autorità nazionali includendo i paesi terzi. Questo renderebbe possibile aggiornare ECRIS, il Sistema europeo d'informazione sui casellari giudiziari, consentendo ai giudici nazionali di un qualunque paese dell'Unione di consultare, con una sola richiesta, i dati dei cittadini non-UE.

Il direttore della FRA, l'Agenzia europea per i diritti fondamentali, Michael O´Flaherty presenterà e discuterà lunedì il suo rapporto annuale 2015 con i deputati della commissione LIBE. Il rapporto tratta questioni come la crisi dei rifugiati e le migrazioni, la recrudescenza negli Stati membri di incidenti a sfondo razzista e xenofobo, le conseguenze dei recenti attacchi terroristici per i diritti fondamentali.

Lunedì la sub-commissione Diritti umani terrà un'audizione pubblica sulla difficoltà delle minoranze ostaggio nella guerra civile siriana e  dell'ISIS. Il panel dei relatori includerà i rappresentanti di alcune minoranze chiave nella regione, come quelle cristiana, turkmena e degli yazidi.

I gruppi politici prepareranno la plenaria del 6-9 giugno 2016 a Strasburgo. In agenda sono inclusi i voti sul progetto di regolamento contro alcune pratiche di evasione fiscale, la messa a punto della commissione d'inchiesta sui "Panama Papers", la discussione sulle pratiche commerciali scorrette adottate nella catena di fornitura alimentare, la preparazione delle ulteriori richieste al Consiglio sulle indagini relative all'uso della tortura da parte della CIA e l'interrogazione alla Commissione europea sui primi impatti del piano d'investimento UE che sarà sottoposto a esame di metà percorso.    

 
Immagini PE Strasburgo e Bruxelles interno riunione commissione parlamentare
Immagini PE Strasburgo e Bruxelles interno riunione commissione parlamentare

Articolo pubblicato il 30 maggio 2016