Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

XII INFOPOVERTY WORLD CONFERENCE

23/03/2012
Ore 15.00

Palazzo delle Stelline, Sala Pirelli - Corso Magenta 59, Milano

La Conferenza Mondiale Infopoverty al Palazzo di Vetro di New York costituisce un importante riferimento per le vicende della rivoluzione digitale ormai incombente e vede i protagonisti mondiali avvicendarsi sul podio con analisi, proposte, valutazioni strategiche insieme con le best practices via via sperimentate sul campo dalle istituzioni più prestigiose, nel dichiarato obiettivo di contribuire ad abbattere la povertà con un uso innovativo e appropriato delle Information and Communication Technologies (ICT) e dell'innovazione in generale nel quadro dell'impegno mondiale a raggiungere gli Obiettivi del Millennio entro il 2015. La Conferenza Mondiale Infopoverty è il fulcro di una concezione diversa del digitale, non tanto gadget o social network, o leisure, a profitto delle grandi company, ma la sfida è portata all'uso sociale, al fine di fornire tutti quegli strumenti e facilities alle popolazioni emergenti e povere atte a innescare i processi, concreti e autogestiti, di sviluppo.

La strategia Europa 2020 delinea un quadro di mercato sociale europeo per il prossimo decennio, sulla base di tre settori prioritari strettamente connessi che si rafforzano a vicenda: crescita intelligente, sviluppando un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione, crescita sostenibile, promuovendo un'economia a basse emissioni di carbonio, efficiente sotto il profilo delle risorse e competitiva, e crescita inclusiva, promuovendo un'economia con un alto tasso di occupazione che favorisca la coesione sociale e territoriale. Questa strategia ha inoltre positive ripercussioni verso i Paesi in via di sviluppo, grazie alle politiche di vicinato e di integrazione con Asia, Africa e America Latina, che illustrate nel corso della sessione con interventi sia di rappresentanti di Parlamento europeo e Commissione europea, sia di quanti hanno usufruito di finanziamenti europei nell'ambito dei bandi per la cooperazione allo sviluppo e per la ricerca di prodotti e servizi innovativi.
Vi sono stati tra i panelist un Rappesentante della DG DEVCO della Commissione europea e i co-Presidenti dell'assemblea Parlamentare Paritetica ACP-EU.